Salta al contenuto

Quota150.com Posts

Tribute – To Elliot Smith From Portland

Raccolta tributo dedicata alla memoria dell’indimenticato Elliott Smith. A realizzarla un gruppo di muscisti dell’area di Portland (sua città adottiva), a quasi tre anni dalla morte si torna a parlare di uno degli artisti più influenti e al contempo sottovalutati della storia del folk-rock americano. Destinato a diventare il nuovo Nick Drake, prima ignorato dalla stampa americana poi scoperto per incanto agli oscar del cinema, quando le sue canzoni fanno da colonne sonore a film del calibro di Will Hunting e American Beauty. Sicuramente il più dotato cantautore della sua generazione, due spanne sopra tutti gli altri. La droga e l’alcol suoi assidui compagni di viaggio, nonostante tutti

Editors – Live

Gli Editors tornano in Italia con tre date da non perdere ::

3 febbraio – Rimini @ Velvet
4 febbraio – Roma @ Qube
5 febbraio – Milano @ Rolling Stone
Tutte le date costano 15 euro e l’inizio è per le 21.00 per l’occasione Radiosky  propone il doppio video di “Bullets” uno dei singoli di maggiore successo della band inglese ::

Editors video :: “Bullets” (B&W) version (realplayer)

Editors video :: “Bullets dir cut ” (colour) ,director: Martin De Thurah

The Strokes – First Impressions Of Earth

Ci siamo, data 2 gennaio 2006 esce il nuovo e attesissimo album degli Strokes, il primo disco dell’anno e molto probabilmente non soltanto in senso cronologico. “First Impressions Of Heart” sarà l’album che trasformerà gli Strokes da gruppo di “nicchia” a “band-globale”e di questa affermazione non resta che assumermi tutte le responsabilità. Un bene o un male? in realtà entrambi, questo è il terreno che farà da  spartiacque. “Juicebox” è puro punk-rock potente e roboante con un giro di basso che non passa di certo inosservato, cosi come “Heart In A Cage” che porta con se l’old-style sessanta e settanta. Sono però episodi come “Vision Of Division” e “Ize Of The World

Migliori Album-2005

01. Bloc Party :: Silent Alarm
02. Coldplay :: X&Y
03. Starsailor :: On The Outside
04. Hot Hot Heat :: Elevator
05. Editors :: The Back Room
06. Josh Rouse :: Nashville
07. Colin Meloy :: Sing Morrissey
08. Black Rebel Motorcycle Club :: Howl
09. Depeche Mode :: Playing The Angel
10. Franz Ferdinand :: You Could Have It So Much Better

Starsailor – On The Outside

Possiamo tirare un bel sospiro di sollievo gli Starsailor sono tornati, più vivi che mai. La loro storia inizia a scriversi nel 2001 con l’album “Love Is Here” nome preso in prestito da un album di Tim Buckley, la critica impazzisce per loro (NME arriva a definirli la «migliore band in tutto il suolo britanico») vengono etichettati come l’unico gruppo in grado di contendere lo scettro ai Coldplay. Il ruolo di alter-coldplay si trasforma ben presto in un boomerang che porta il quartetto di Chorley, a smarrire drasticamente la strada al secondo tentativo con “Silence Is Easy”(2003) che rimane una prova troppo fumosa e anonima. Le domande a questo punto diventano tante, dove è finita la meravigliosa e struggente malinconia,