Salta al contenuto

Tag: The Killers

The Killers – Day And Age

Day and Age“, i Killers tornano sul luogo del delitto, sfrontati, ambiziosi, e assolutamente vincenti. Tutto, e il contrario di tutto, questa la via maestra per il successo dei Killers. Nel tempo in cui l’America si sposta sull’onda dell’ Obama mania, Brandon Flowers si professa difensore delle armi, simpatizzante di George Bush, patriota e credente, per di più mormone, insomma mostra di avere tutte le carte in regola per attirare l’attenzione su di se. Folta e nutrita anche la lista degli “amici”, nella presentazione del nuovo singolo “Human“, manda in pensione gli U2, “il loro tempo è passato ora ci sono i Killers”, tenero anche con i Green Day, definendo disgustoso il  video “American Idiot” per il loro antipatriottismo. Tra i  sostenitori spuntano  però nomi eccellenti

The Killers – A Great Big Sled

Nuovo singolo natalizio per la formazione di Las Vegas, in vendita esclusivamente su iTunes, l’intento questa volta non è commerciale, ma al contrario tutto improntato alla beneficienza. L’intero ricavato delle vendite finanzierà infatti un fondo medico contro Aids, malaria e tubercolosi. Non troverete per questa ragione nessun link per il download audio. Concludo ricordando che questa volta la voce di Brandon Flowers si accompagna a quella eterea di Tony Halliday, con risultati davvero apprezzabili.. “I Wanna Wish You Merry Christmas”

The Killers – When You Were Young

Attesi come uno degli eventi di questo 2006, finalmente arriva sulle scene questo “When You Were Young” single “scaldamotori” che anticipa di un mese esatto la seconda fatica del quartetto di Las Vegas che si intitolerà “Sam’s Town”. Brandon Flowers e i suoi The Killers, ancora una volta non sbagliano una mossa; i pochi fortunati che hanno potuto ascoltare in anteprima il cd, parlano di un nuovo capolavoro. A noi non rimane, per ora, che ascoltare questo “When You Were Young”, talentuosismi vocali che scorrono sicuri su tappeti sonori di tastiere e chitarre, per un finale col botto in perfetto stile Killers. Il suono si è ammorbidito rispetto ai tempi di “Hot Fuss”, ma trattandosi del singolo di apertura, è nel normale ordine delle cose. Pronti, via, si parte…

The Killers – Sam’s Town

Doveva accadere, poteva accadere, corsi e ricorsi della musica, cosi dopo circa sei anni di assoluta astinenza da vero evento, da un vero disco che sapesse fare da spartiacque, alla fine è toccato proprio ai Killers, ovvero il gruppo più English proveniente dagli States, salire sul trono e prendere la corona. ”Sam’s town” è oggi per la band di Las Vegas quello che è stato a suo tempo “Parachutes” per i Coldplay e “Ok Computer” per i Radiohead, l’album per cui essere ricordati. Una serie di mosse azzeccate a partire dall’esordio nel 2004 con l’album “Hot Fuss” diventato dopo due anni doppio platino in USA (2 milioni di copie) e triplo platino in Inghilterra (900 mila copie) per un totale complessivo nel mondo di quasi 5 milioni

The Killers – Hot Fuss

Se avete sempre avuto un debole per la musica inglese anni ottanta; per quelle atmosfere che si dipanano tra il cupo e il melodico; insomma se nei vostri “preferiti di tutti i tempi” c’è un posto per gruppi come Cure, New Order, Smiths beh allora questa è la vostra fermata; potete scendere. Questi The Killers arrivarno da Las Vegas, a migliaia di km di distanza da Londra, ma ad ascoltarli nessuno lo direbbe. “Hot Fuss” parte fortissimo con una prima serie di tracce di grande impatto; si inizia con ” Jenny Was A Friend Of Mine” che insieme a “Smile Like You Mean” ci trasposta immediatamente alle accattivanti melodie di Robert Smith & co. “A Forest”  “Jumping Someone Else’s Train“;